Reply

Primi Vespri della prima Domenica di Avvento

« Older   Newer »
view post Posted on 27/11/2010, 21:58 Quote

Advanced Member

Group:
Servo per Amore
Posts:
5,700

Status:


Giunto all’altare, colui che presiede introduce alla preghiera nel modo consueto:

O Dio, vieni a salvarmi. Gloria al Padre.
Come era nel principio. Alleluia.

Quindi, prima del canto dell’Inno, rivolge ai presenti una breve monizione:

Carissimi, con la celebrazione di questi Vespri, mentre ci apriamo ad un nuovo Anno liturgico, siamo chiamati ad assumere un atteggiamento di vigilante attesa per l’avvento del Signore. Infatti, la preghiera dei Salmi metterà sulle nostre labbra il canto della Chiesa che invoca il ritorno di Cristo suo Sposo.
La luce di questa lampada che accendiamo all’inizio della nostra preghiera, rafforzi la speranza nell’attesa, e con tutta la Chiesa ci faccia gridare: Maranathà: vieni, Signore Gesù.

Mentre si canta l’inno si accendono alcune lampade.

INNO
Creatore degli astri,
Verbo eterno del Padre,
la Chiesa a te consacra
il suo canto di lode.

Cielo e terra si prostrano
dinanzi a te, Signore;
tutte le creature
adorano il tuo nome.

Per redimere il mondo,
travolto dal peccato,
nascesti dalla Vergine,
salisti sulla croce.

Nell’avvento glorioso,
alla fine dei tempi,
ci salvi dal nemico
la tua misericordia.

A te gloria, Signore,
nato da Maria vergine,
al Padre ed allo Spirito
nei secoli sia lode. Amen.


Terminato l’Inno, colui che presiede invita alla preghiera:
Preghiamo.
O Dio, dalla tua santità fiorisce ogni bene
negli uomini e nelle cose:
rinnova con il dono del tuo Spirito i nostri cuori,
perché tu sia glorificato in ogni nostra opera,
e tutta la storia del mondo
si disponga alla venuta del tuo Figlio.
Egli è Dio, e vive e regna con te,
nell’unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.

Ha quindi inizio la preghiera dei salmi.

1 ant. Date l’annunzio ai popoli:
Ecco, Dio viene,
il nostro Salvatore.

SALMO 140, 1-9 Preghiera nel pericolo

E’ dalla mano dell’angelo il fumo degli aromi salì davanti a Dio, insieme con le preghiere dei santi (Ap 8,4).

Signore, a te grido, accorri in mio aiuto; *
ascolta la mia voce quando t’invoco.
Come incenso salga a te la mia preghiera, *
le mie mani alzate come sacrificio della sera.

Poni, Signore, una custodia alla mia bocca, *
sorveglia la porta delle mie labbra.

Non lasciare che il mio cuore si pieghi al male †
e compia azioni inique con i peccatori: *
che io non gusti i loro cibi deliziosi.

Mi percuota il giusto e il fedeli mi rimproveri, †
ma l’olio dell’empio non profumi il mio capo; *
tra le loro malvagità continui la mia preghiera.

Dalla rupe furono gettati i loro capi, *
che da me avevano udito dolci parole.

Come si fende e si apre la terra, *
le loro ossa furono disperse
alla bocca degli inferi.

A te, Signore, mio Dio, sono rivolti i miei occhi; *
in te mi rifugio, proteggi la mia vita.
Preservami dal laccio che mi tendono, *
dagli agguati dei malfattori.

Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1 ant. Date l’annunzio ai popoli:
Ecco, Dio viene,
il nostro Salvatore.

ORAZIONE SUL SALMO
Come incenso odoroso
salga a te, Signore, la nostra preghiera
e nel gesto del sacrificio vespertino
si protendano a te le nostre mani;
e tu ascolta, Signore, la nostra voce,
sostienici nei pericoli
e conservaci fedeli alla tua santa legge.
Per Cristo nostro Signore.

2 ant. Ecco, il Signore viene
e con lui tutti i suoi santi:
quel giorno brillerà una grande luce, alleluia.

SALMO 141 Sei tu il mio rifugio

Cristo nella passione invoca il Padre: «Abbà, padre! Allontana da me questo calice…» (Mc 14, 33) e domanda la risurrezione sulla quale la Chiesa dei santi fonda la sua fede (Cfr Cassiodoro).

Con la mia voce al Signore grido aiuto, *
con la mia voce supplico il Signore:
davanti a lui effondo il mio lamento, *
al suo cospetto sfogo la mia angoscia.

Mentre il mio spirito vien meno, *
tu conosci la mia via.
Nel sentiero dove cammino *
mi hanno teso un laccio.

Guarda a destra e vedi: *
nessuno mi riconosce.
Non c’è per me via di scampo, *
nessuno ha cura della mia vita.

Io grido a te, Signore; †
Dico: Sei tu il mio rifugio, *
sei tu la mia sorte
nella terra dei viventi.

Ascolta la mia supplica: *
ho toccato il fondo dell’angoscia.
Salvami dai miei persecutori *
perché sono di me più forti.

Strappa dal carcere la mia vita, *
perché io renda grazie al tuo nome:
i giusti mi faranno corona *
quando mi concederai la tua grazia.

Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2 ant. Ecco, il Signore viene
e con lui tutti i suoi santi:
quel giorno brillerà una grande luce, alleluia.

ORAZIONE SUL SALMO
Ascolta, Signore, la nostra supplica
come ascoltasti la preghiera del tuo Figlio
nell’ora dolorosa della sua passione;
sii tu il nostro rifugio,
tu in questa vita la forza che ogni giorno ci sostiene
e nell’eternità beata
la gioia che allieti per sempre il nostro cuore.
Per Cristo nostro Signore.

3 ant. Verrà il Signore in tutta la sua gloria:
ogni uomo vedrà il Salvatore.

CANTICO Fil 2, 6-11 Cristo, servo di Dio

Cristo Gesù, pur essendo di natura divina, *
non considerò un tesoro geloso
la sua uguaglianza con Dio;

ma spogliò se stesso, †
assumendo la condizione di servo *
e divenendo simile agli uomini:

apparso in forma umana, umiliò se stesso †
facendosi obbediente fino alla morte *
e alla morte di croce.

Per questo Dio l’ha esaltato *
e gli ha dato il nome
che è al di sopra di ogni altro nome;

perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi †
nei cieli, sulla terra *
e sotto terra;

e ogni lingua proclami
che Gesù Cristo è il Signore, *
a gloria di Dio Padre.

Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3 ant. Verrà il Signore in tutta la sua gloria:
ogni uomo vedrà il Salvatore.

LETTURA BREVE 1Ts 5, 16-24

Siate sempre lieti, pregate ininterrottamente, in ogni cosa rendete grazie: questa infatti è volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi. Non spegnete lo Spirito, non disprezzate le profezie. Vagliate ogni cosa e tenete ciò che è buono. Astenetevi da ogni specie di male.
Il Dio della pace vi santifichi interamente, e tutta la vostra persona, spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo. Degno di fede è colui che vi chiama: egli farà tutto questo!

RESPONSORIO BREVE

R/ Mostraci, Signore, * la tua misericordia.
Mostraci, Signore, la tua misericordia.
V/ E donaci la tua salvezza,
la tua misericordia.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Mostraci, Signore, la tua misericordia.

Dopo il Responsorio breve, un lettore si reca all’ambone per prendere il Lezionario e presentarlo a colui che presiede la preghiera. Questi, mostrando il Lezionario ai presenti, rivolge loro una breve monizione:

Carissimi, come afferma il Concilio, «la Chiesa ha sempre venerato le divine Scritture come ha fatto per il Corpo stesso del Signore, non mancando mai, soprattutto nella santa Liturgia, di nutrirsi del pane di vita dalla mensa sia della Parola di Dio sia del Corpo di Cristo».
Quest’anno, in coincidenza con la nuova traduzione della Bibbia preparata dai Vescovi Italiani, alle comunità cristiane è presentata la nuova edizione del Lezionario.
Accogliamo con rinnovato slancio questo libro, le cui pagine raccolgono la nuova traduzione della Sacra Scrittura, perchè sia proclamata ogni volta che celebriamo la divina liturgia.
Sia questa una felice occasione per ravvivare in noi l’amore per la Parola di Dio, lampada ai nostri passi e luce sul nostro cammino.

Lo stesso lettore, dopo la monizionE, riprende il Lezionario e lo colloca aperto sull’ambone.
La preghiera continua con il canto del Magnificat, durante il quale, oltre ad incensare l’altare, colui che presiede incenserà anche il nuovo Lezionario.

Ant. al Magn. Ecco venire da lontano il Signore:
il suo splendore riempie l’universo.

L'anima mia magnifica il Signore *
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *
D'ora in poi tutte le generazioni
mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *
e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *
si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *
ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati, *
ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *
ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri, *
ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. al Magn. Ecco venire da lontano il Signore:
il suo splendore riempie l’universo.

INTERCESSIONI

A Cristo, fonte di vera gioia per tutti coloro che lo attendono, innalziamo la nostra preghiera:

Vieni, Signore, non tardare.

Verbo eterno, che sei prima di tutti i tempi,
-- vieni a salvare gli uomini del nostro tempo.

Creatore dell’universo e di tutti gli esseri che vi abitano,
-- vieni a riscattare l’opera delle tue mani.

Dio con noi, che hai voluto assumere la nostra natura mortale,
-- vieni a liberarci dal dominio della morte.

Salvatore, che sei venuto perché gli uomini abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza,
-- vieni a comunicarci la tua vita divina.

Signore glorioso, che chiami tutti gli uomini nella pace del tuo regno,
-- fa’ risplendere il tuo volto ai nostri fratelli defunti.

Padre nostro

ORAZIONE
O Dio nostro Padre,
suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere
al tuo Cristo che viene, perché egli ci chiami accanto a sé nella gloria
a possedere il regno dei cieli. Per il nostro Signore.

 
PM Email  Top
0 replies since 27/11/2010, 21:58
 
Reply